COMMISSIONE TECNICA RUP/DEC INCONTRO DEL 22/03/2022

Il 22 marzo si è svolto il settimo incontro del tavolo tecnico per la definizione del nuovo regolamento di calcolo e ridistribuzione dell’incentivo, ai sensi dell’art. 113 del Codice dei contratti.

 

Anche questa volta il confronto si è sviluppato essenzialmente sull’ambito oggettivo di applicazione del futuro regolamento.

 

Il Capo della delegazione aziendale ha aperto i lavori riportando la sintesi degli approfondimenti effettuati dalla Banca e le nuove posizioni assunte.

 

In particolare, dando seguito alle sollecitazioni dei Sindacati, la Banca ha dichiarato che intende ricomprendere nell’ambito di applicazione del regolamento anche i contratti di servizi derivanti da adesioni a sistemi di selezione dei contraenti per le pubbliche amministrazioni (es. Consip), ma limitatamente a quelle iniziative per le quali, per caratteristiche di importo e/o complessità, vige l’obbligo di nomina del Direttore dell’esecuzione del contratto (DEC).

 

Per quanto concerne gli affidamenti diretti, la Banca ha confermato la contrarietà a considerare tali iniziative rientranti fra quelle “incentivabili”. Tale posizione scaturirebbe da alcune sentenze della giustizia amministrativa che non permetterebbero in nessun caso di paragonare gli affidamenti diretti a procedure di gara.

 

La FALBI ha confermato la posizione già espressa nel precedente incontro di voler ricomprendere almeno gli affidamenti diretti di tipo mediato, così come suggerito da alcune sezioni regionali della Corte dei Conti.

 

Abbiamo fatto notare che le sentenze della giustizia amministrativa a cui la Banca si riferisce non riguardano la materia specifica degli incentivi, mentre i pronunciamenti delle sezioni regionali della Corte dei Conti, ancorché non prescrittivi, sono specifici di questa materia.

 

Numerose amministrazioni hanno già accolto i contenuti di tali pronunciamenti nei propri regolamenti.

 

Abbiamo ribadito con convinzione che sia necessario e possibile dare ai colleghi esercitanti le funzioni di RUP e DEC e loro collaboratori, il giusto riconoscimento anche in relazione a tali affidamenti.

 

Preso atto delle divergenze e senza alcun impegno, la Delegazione aziendale ha quindi chiesto ai Sindacati di presentare una proposta operativa in tal senso. La proposta verrà formulata prima del prossimo incontro, fissato per il 13 aprile.

 

Nel caso in cui non si addivenga ad una soluzione condivisa, per evitare di bloccare le attività del tavolo tecnico si è deciso congiuntamente di procedere con gli altri aspetti del confronto e di lasciare, per il momento, la questione dell’ambito oggettivo “aperta”.

 

Si tornerà sull’argomento successivamente.